Rapina a mano armata in una rivendita di tabacchi in via Buranello: lo sfogo dell’esercente

Martedi 28 novembre c’è stato un tentativo di rapina a mano armata poco dopo le 14 e 30. Il rapinatore a volto scoperto si è avvicinato al bancone della tabaccheria e ha estratto di tasca una pistola e ha intimato al titolare di consegnare l’incasso della giornata. La pronta reazione dell’esercente coadiuvato dal padre presente in negozio, ha costretto alla fuga il malvivente che è scappato via inseguito dal titolare della tabaccheria. L’esercente, contattato dal Gazzettino Sampierdarenese, ci ha raccontato: “E’ il secondo tentativo di rapina che subiamo e, anche se siamo riusciti a mettere in fuga il ladro, devo purtroppo denunciare che ci sentiamo abbandonati a noi stessi dalle istituzioni che dovrebbero proteggerci. Ho investito in questa attività in modo pesante e l’esercizio è aperto 7 giorni su 7. La fatica e i sacrifici sono enormi e siamo oberati da spese e da tasse. Preso dallo sconforto, medito, se le cose non cambieranno, di chiudere all’inizio del prossimo anno. Un’altra cosa che voglio evidenziare, io che sono siciliano, è che riscontro molta più omertà e indifferenza a San Pier d’Arena che non nel mio paese di origine. Voglio esprimere tutto il mio rammarico in primis verso lo Stato che non è mai presente per aiutare noi lavoratori onesti ed è lo stesso stato che ci soffoca per tasse e pagamenti”. Mentre intervistavamo l’esercente della tabaccheria, abbiamo assistito ad una continua manifestazione di solidarietà dei cittadini, tra cui il presidente del CIV Sampierdarena Rodolfo Bracco.
Gino Dellachà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *