Tempo di Chet al Teatro Modena: in scena la musica jazz

È dedicato a uno dei più grandi protagonisti della musica jazz lo spettacolo Tempo di Chet, in scena al Teatro Gustavo Modena da martedì 8 a domenica 13 gennaio 2019. Chet Bakerrivive grazie al testo di Leo Muscato– anche regista dello spettacolo – e Laura Perinie alle musiche originali di Paolo Fresu. Prodotto dal Teatro Stabile di Bolzano, Tempo di Chet – la versione di Chet Bakervede sul palco lo stesso PaoloFresualla tromba, Dino Rubinoal piano, Marco Bardosciaal contrabbasso e un folto gruppo di attori – Alessandro Averone, Rufin Doh, Simone Luglio, Debora Mancini, Daniele Marmi, Graziano Piazza, Mauro Parrinello, Laura Pozone.

Trombettista e cantante, lo statunitense Chet Baker, figura chiave del cool jazz, è vissuto e morto avvolto da un’aura leggendaria e misteriosa. Tossicodipendenza, carcere, eccessi di ogni genere, sparizioni improvvise e ritorni sulla scena hanno contribuito a creare intorno a lui una sorta di mito. Tempo di Chet, sovrapponendo partitura musicale e drammaturgica in un unico flusso organico di parole, immagini e suoni, rievoca le tappe della sua vita come se fosse il musicista stesso a dare una sua versione. Fedele allo stile intimista e lirico che caratterizzava la musica di Baker, il regista Leo Muscatomodula passato e presente, lasciando affiorare in ordine sparso episodi e fatti disseminati lungo la biografia di Baker, dalla prima tromba ricevuta in regalo dal padre quando era ancora un bambino al tragico volo dalla finestra di un hotel di Amsterdam che nel 1983 pose fine alla sua esistenza.

«Ogni episodio apre il sipario su una fase della vita dell’artista, che ha anche passato periodi in vari luoghi d’Italia, facendo emergere il sapore di epoche diverse, di differenti contesti socioculturali e visioni del mondo» commenta LeoMuscato.

«La musica di Chet Baker è straordinariamente limpida, forse una delle più razionali e architettonicamente perfette della storia del jazz» riflette PaoloFresu. «Ci si chiede, dunque, come mai la complessità dell’uomo e il suo apparente disordine abbiano potuto esprimersi in musica attraverso un rigore formale così logico e preciso».

Paolo Fresuparlerà dello spettacolo giovedì 10 gennaio alle ore 15alla Sala Mercato, in un incontro condotto da Paolo Borio, mentre sabato 12 gennaio alle ore 11presenterà alla Feltrinelli il suo libro Poesie jazz per cuori curiosi, introduce la giornalista Giulia Cassini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.