L’Expo delle meraviglie a Palazzo San Giorgio fino al 15 giugno

È stata inaugurata il 21 maggio scorso a Palazzo San Giorgio la seconda edizione della mostra “L’Expo delle meraviglie – 1914 L’Esposizione Internazionale di Genova”. La mostra della Fondazione Ansaldo curata da Massimo Minella, giornalista e scrittore, già presentata nel 2015 al Palazzo della Borsa e visitata da ventimila persone, viene riproposta insieme ad Ansaldo Energia, Autorità di sistema portuale e Leonardo in una nuova edizione con layout e materiale rinnovato. Lo scoppio della Prima guerra mondiale cancellò rapidamente la risonanza internazionale dell’Esposizione del 1914 che, inaugurata da Vittorio Emanuele III e dalla regina, pose al centro dell’attenzione mondiale la nostra città e fu visitata da numerose delegazioni straniere interessate non solo al tema dell’igiene, ma anche a quello del mare, del colonialismo e dei rapporti con le due Americhe. A Genova in pochi mesi furono costruiti i padiglioni firmati da Gino Coppedè, uno stadio da ventimila posti in prossimità della stazione ferroviaria di Brignole, una rivoluzionaria monorotaia “Telfer”, che con i suoi 2,2 km collegava Molo Giano alla sede dell’Expo in Piazza di Francia (attuale Piazza della Vittoria), e infine una funivia dalla mostra alla spianata di Carignano per offrire ai visitatori la vista panoramica sull’intera area espositiva. Il ritratto della città che scaturisce dalla mostra è quello di una Genova all’avanguardia, intraprendente e pioniera. Qualità, attività e saperi di altissimo livello che caratterizzano la nostra realtà cittadina e meriterebbero una nuova “Expo”, una ribalta internazionale per rilanciare il ruolo di Genova ed aiutarla a superare crisi occupazionali e il disastro di Ponte Morandi: un pressante invito rivolto alle istituzioni locali ed alle aziende che operano nella nostra città. La mostra resterà aperta fino al 15 giugno dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 18 e il sabato dalle 10 alle 14.
Fulvio Majocco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.