Legionella ai Treponti? Tutto tace

Una decina di giorni fa vi avevamo dato notizia di quanto stava accadendo in un civico di piazza Treponti, esattamente il numero 4, a proposito del contagio da “legionella” che era stato riscontrato nel sistema idrico del palazzo. In un primo momento si era ipotizzato che fosse coinvolto anche l’adiacente civico 1 di via Albini, ma le analisi hanno escluso tale ipotesi almeno per questo stabile. Condomini ed inquilini del civico 4 di piazza Treponti sono invece tuttora in attesa di notizie che li rassicurino, quindi la preoccupazione rimane tutta e ci si arrangia, come succede se mancano risposte precise da chi dovrebbe provvedere o almeno interessarsi a lenire i disagi della gente. Come già riferito nel nostro precedente articolo, l’amministrazione dei due condomini ha suggerito di lasciare scorrere molta acqua e per quanto riguarda la doccia far passare il liquido riscaldato ad almeno cinquanta gradi, presumendo che ciò possa eliminare il germe. E’ noto come il batterio della legionella sia contagioso solamente se inalato (cioè respirato col vapore o polverizzato), mentre se viene bevuto non genera alcun danno, almeno così parrebbe. Comunque, ci riferisce il condomino Franco Massa, diversi usano acqua minerale per cucinare e limitano i lavaggi, con relativo comprensibile disagio. Non è certo una situazione piacevole e soprattutto non sembra avere alcun sbocco giacché ASL 3, Municipio ed anche una consigliera regionale hanno ricevuto notizie in merito ma da essi nessuna risposta è al momento arrivata. Noi diamo conto ai lettori di questa situazione augurandoci che le cose si sblocchino e ritorni la vita serena, anche perché rimpalli di responsabilità o silenzi non aiutano certamente a risolvere i problemi.

Pietro Pero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.