Sanitari caduti per il Covid-19 nel 2020: a breve intitolato un Padiglione del Villa Scassi a ciascuno

Il Direttore Generale dell’Asl 3, Luigi Carlo Bottaro, nell’intervista pubblicata sul numero del Gazzettino di aprile, così si era espresso: “Ci metteremo presto in condizione di celebrare degnamente la memoria dei sanitari scomparsi in questi mesi terribili, intitolando a ciascuno di loro un Padiglione. Saremo i primi a farlo. Ringrazio il Gazzettino per il suo impegno nel sostenere l’intitolazione di un Padiglione al primario Dino Pesce”. Ed è stato di parola: entro giugno a queste dichiarazioni d’intenti seguiranno i fatti. Con una sobria cerimonia, alla presenza dei familiari delle vittime, il Padiglione 6 sarà intitolato alla memoria di Dino Pesce, “medico dei Sampierdarenesi”, a lungo primario della Medicina Generale, sino al 2011, scomparso a 74 anni, “nel marzo 2020, per avere risposto con la solita generosità, in corso di pandemia, alla chiamata di aiuto di un amico e collega”, come ricorda la petizione firmata da tanti cittadini con il supporto del nostro Gazzettino. Dino Pesce è stato, purtroppo, la prima di una serie di figure sanitarie, tutte egualmente esemplari, che il nosocomio sampierdarenese, e tutta la cittadinanza genovese, hanno dovuto piangere nel mese di aprile 2020, all’acme del lungo contrasto alla pandemia. Nella stessa cerimonia il Padiglione 3 sarà intitolato alla memoria di Emilio Brignole, decano dei chirurghi e primario del reparto Gestione del Paziente Chirurgico in Pronto Soccorso, rimasto in servizio sino all’ultimo, finché l’insorgere dell’inesorabile e repentino male lo ha costretto al ricovero nello stesso ospedale in cui per quasi tutta la sua vita professionale aveva militato, e dove si è spento a 67 anni. Anch’egli figura di riferimento per i colleghi, aveva alle spalle una luminosa carriera. Nel 2018 fu tra i chirurghi in prima linea a prestare immediate cure ai feriti del crollo del Morandi.
Il Padiglione 5 sarà invece intitolato alla memoria di Anna Poggi, figura non meno luminosa di infermiera, mancata a 64 anni dopo essersi prodigata sino all’ultimo nell’assistenza ai tanti malati Covid che affluivano all’Emergenza sampierdarenese. E dopo una lunga e proficua vita di servizio in vari reparti (Chirurgia plastica operatoria, Chirurgia, Neurologia, prima di approdare alla Degenza Breve).
Chi si recherà allo Scassi avrà un motivo in più per ricordare queste tre esemplari personalità.
Marco Bonetti

3 pensieri riguardo “Sanitari caduti per il Covid-19 nel 2020: a breve intitolato un Padiglione del Villa Scassi a ciascuno

  • 10 Giugno 2021 in 13:06
    Permalink

    Grande Bottaro,
    uno dei pochi manager che sa che esistono anche valori importanti oltre al budget
    Carlo59

    Rispondi
  • 10 Giugno 2021 in 16:48
    Permalink

    Credo che sia un bel gesto, oltre che doveroso. Conoscevo tutti e tre, ovviamente, ma per motivi personali, non solo professionali, Pesce lo porterò sempre nel cuore.

    Rispondi
  • 12 Giugno 2021 in 16:17
    Permalink

    Grazie di ricordarli. Lo meritano!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.