La scomparsa della mamma del comandante Messina

Un grande dolore ha colpito Orazio Messina, presidente dell’Associazione Nazionale Carabinieri di San Pier d’Arena, luogotenente dell’Arma ora in congedo ed a lungo comandante della stazione di corso Martinetti, personaggio stimato e assai conosciuto in delegazione ed in Italia. Lo ha lasciato mamma Grazia Riggi, 90 anni, della quale il carabiniere dice “grande donna, grande lavoratrice, dal carattere forte, che ha impugnato sempre il bastone del comando”. E’ scomparsa nella sua casa di Villalba (Caltanisetta) assistita fino all’ultimo dallo stesso Orazio e dagli altri parenti. La donna era malata da tempo ed aveva perso il marito, Giuseppe Messina, di tre anni più anziano di lei, nel luglio 2014. Lascia quattro figli: Orazio, Sandrina, Giuseppina e Calogero. Che come il fratello è in servizio all’Arma, attualmente presso la stazione carabinieri di di Laigueglia, in provincia di Savona, con il grado di brigadiere capo con qualifica speciale. La morte del marito Giuseppe è stato per lei un duro colpo; da qual momento la sua salita è andata declinando tanto che i figli si avvicendavano per assisterla. Presenti accanto a lei con tale sentimento da aver ottenuto apprezzamento da molte parti, additati quali ad esempio in un mondo che troppo spesso dimentica gli anziani, anche se congiunti. Ad Orazio Messina che nella sua carriera vanta anche il triste ma orgoglioso compito di aver chiuso la caserma italiana di Nassiriya.
Dino Frambati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.