Il pasticciaccio di via Daste e via Palazzo della Fortezza

daste2_webMoto parcheggiate all’imbocco del corridoio transitabile, concerto di clacson, pedoni disorientati, automobili che sfrecciano in senso vietato, via Palazzo della Fortezza percorsa in entrambi i sensi di marcia. La nuova viabilità sperimentale ha bisogno di rodaggio, per ora è simile ad un girone infernale. Sarà forse colpa di una segnaletica insufficiente o della forza dell’abitudine che spinge a compiere manovre scorrette ma in quel punto regna il caos. Basta sostare pochi minuti in largo Gozzano per vedere auto che escono da piazza Treponti e raggiungono via Damiano Chiesa attraverso il tratto di via Daste la cui transitabilità sarebbe consentita solo a chi deve entrare nella piazza attraverso via Pirlone. Orribili “panettoni” dividono la parte carrabile da quella pedonale, la pavimentazione è uniforme e induce alcuni pedoni a usufruire anche della corsia riservata alle auto. Inoltre, a tutela dei bambini che escono dalla scuola primaria Mazzini, il passaggio è vietato in alcune ore della giornata però il cartello sfugge spesso anche agli automobilisti meno distratti. La nuova viabilità, stabilita dopo un processo partecipato e con relative code polemiche è in vigore da pochi giorni e la sperimentazione durerà sei mesi. Ci auguriamo che si provveda ad una segnaletica più chiara, sia orizzontale che verticale. Per ora è un delirio che forse non soddisfa nessuno.
Marilena Vanni

fortezza_web

3 pensieri riguardo “Il pasticciaccio di via Daste e via Palazzo della Fortezza

  • 26 Novembre 2015 in 19:10
    Permalink

    L’unica cosa da fare è inviare copia dell’articolo alla locale sede dei Vigili di via Sampierdarena affinché facciano il loro lavoro che è quello di assicurare il rispetto del codice della strada. Vi sembra un suggerimento rivoluzionario? Cordialmente??

    Rispondi
  • 26 Novembre 2015 in 20:06
    Permalink

    i cantunè e gli spazzini a Sampierdarena sono spariti dalla circolazione e i risultati li vedono tutti.

    Rispondi
  • 28 Novembre 2015 in 12:33
    Permalink

    È una sperimentazione e ciò dovrebbe comportare la presenza assidua della polizia municipale o di ausiliari del traffico. Poi per risolvere definitivamente i problemi della zona, si deve intervenire sulla ristrutturazione di piazza Treponti, con demolizione del fatiscente mercato, ricostruzione su due livelli e misure ridotte per recuperare parcheggi per residenti, commercianti e acquirenti e spostamento nella via Daste totalmente pedonalizzata del mercato rionale del lunedì e venerdì.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.