Ecco l’ordinanza del sindaco Doria sullo sgombero in Lungomare Canepa

Riceviamo e pubblichiamo di seguito, l’intera ordinanza del sindaco Doria circa lo sgombero dell’insediamento rom di Lungomare Canepa, ritenendo di fornire ai nostri lettori e visitatori del sito un modo corretto e preciso di fare informazione. Visto anche l’impatto sociale e mediatico che tale evento ha avuto in delegazione. Al di là di ogni considerazione politica, ribadiamo come non è sostenibile che esseri umani vivano in situazione di tanto degrado quale quella della comunità rom che si trovava in quel luogo. Situazione indecorosa ed offensiva del rispetto che si deve alla persona da parte di una società civile. Ma rileviamo anche come tale sgombero sia stato invocato a lungo da residenti ed abitanti della zona, che hanno diritto a vivere pienamente il loro quartiere. Noi siamo per l’incontro tra persone e non per lo scontro. Per cui abbiamo seguito con attenta cronaca la situazione ed il documento che pubblichiamo è una preziosa fonte di informazione per i lettori del Gazzettino.
d.f.
ORDINANZA DEL SINDACO
OGGETTO: SGOMBERO DELL’EDIFICIO EX PIROLA IN LUNGOMARE CANEPA – VIA
SAMPIERDARENA E CONSEGUENTI MISURE DI IMPEDIMENTO ALL’ACCESSO
ALL’AREA A TUTELA DELLA PUBBLICA INCOLUMITA’.
Su proposta dell’Assessore Legalità e Diritti Elena Fiorini, di concerto con l’Assessore alle Politiche sociosanitarie Emanuela Fracassi, con l’Assessore alla Mobilità e traffico Anna Dagnino, con l’Assessore all’Ambiente Italo Porcile, sentito il Presidente del Municipio Centro Ovest, Franco
Marenco;
Premesso che:
– sul tema degli insediamenti su area pubblica di gruppi di popolazione Rom l’Amministrazione comunale ha già svolto alcuni interventi finalizzati in primo luogo ad individuare i nuclei insediati e le loro caratteristiche, con particolare attenzione alla presenza ed alla condizione dei minori;
– sono già stati attuati interventi di sgombero in alcune aree cittadine dove è stata messa in atto la riqualificazione del territorio, e presi in carico i nuclei con minori;
– già nel 2012 Autorità Portuale era stata sensibilizzata affinchè l’edificio ex Pirola in Lungomare Canepa, allora nella sua disponibilità, diventato oggetto di occupazione abusive, fosse reso impraticabile vista la non idoneità ad essere utilizzato come luogo di soggiorno per le persone;
– da allora ad oggi sono stati effettuati sgomberi senza risolvere in via definitiva le problematiche, in quanto le persone nuovamente hanno rioccupato l’edificio;
– i diversi accessi effettuati dalla Polizia Municipale presso tale immobile, non hanno evidenziato la presenza di minori;
– le condizioni igienico sanitarie dello stesso risultano essere non più sostenibili per la mancanza delle condizioni indispensabili per la vivibilità di un insediamento umano, come risulta dalla relazione, prot. ASL 3 Genovese n. del 12 aprile 2016 a seguito di sopralluogo, con la quale la stessa invita il Comune a: “disporre l’immediato sgombero e l’eliminazione degli insediamenti abusivi posti negli immobili ex Pirola in Lungomare Canepa – via Sampierdarena e nelle aree ad essi circostanti mettendo in opera tutti gli accorgimenti tecnici affinché gli immobili in questione e tutte le aree ad essi limitrofe non possano più essere utilizzate come luogo di soggiorno abitativo e stanziale non essendo presenti elementi di compatibilità igienico sanitaria che possano consentirlo”;
– l’edificio in questione è entrato recentemente in disponibilità del Comune di Genova in vista della cantierizzazione di Lungomare Canepa per il complessivo riassetto della viabilità;
– per questa ragione l’edificio è stato assegnato a Sviluppo Genova, già informata e in accordo con il progetto di renderlo inaccessibile;
Considerato:
– che nell’ambito del Coordinamento delle Forze dell’Ordine tenuto in Prefettura il 27 maggio, il Prefetto ha manifestato preoccupazione per la situazione nell’area e invitato il Comune a intervenire, garantendo la disponibilità del supporto necessario da parte delle Forze dell’Ordine;
– che l’occupazione abusiva dell’edificio, presenta pesanti fattori di rischio per l’incolumità e la salute degli abitanti;
Ritenuto pertanto necessario attivare una pluralità di misure finalizzate a:
– sgomberare l’edificio in oggetto abusivamente occupato;
– rimuovere i materiali residui non più utilizzabili ed interdire l’area attualmente occupata;
– impedire l’accesso all’edificio in oggetto in via definitiva mediante un intervento strutturale con opere in muratura sul varco attualmente esistente e sugli altri ingressi, al fine di evitare ogni possibile nuova occupazione che comporterebbe seri rischi per l’incolumità pubblica;
– attivare ogni iniziativa per evitare il reinsediamento anche in aree limitrofe.
Ritenuto pertanto necessario che le Direzioni e le Società competenti si attivino per mettere in atto le azioni sopra individuate, ed in particolare:
1. AMIU per la preventiva sanificazione dell’area dei varchi dove gli operai dovranno lavorare per chiudere gli accessi, e per la rimozione dei materiali che possono ostacolare quell’intervento;
2. ASTER per l’interdizione del varco e degli accessi all’edificio;
3. la Direzione Corpo di Polizia Municipale per l’ausilio a tutte le operazioni sopra descritte e per il coordinamento con le Forze dell’Ordine. per la sorveglianza e il presidio del sito e delle adiacenze durante il giorno e per almeno due notti, tempo indispensabile alla stabilizzazione del materiale utilizzato;
Visti gli artt. 50, comma 5 e 54, comma 4 del D. Lgs. 18.8.2000, n. 267 (Testo Unico Enti Locali);
Dato atto che del provvedimento è stato reso edotto in via preventiva il Prefetto, che ha assentito in
ordine agli interventi previsti, anche in merito alla necessità della collaborazione delle altre Forze dell’Ordine;
Acquisito il parere di legittimità del Segretario Generale:
IL SINDACO ORDINA
1. Lo sgombero dell’edificio denominato ex Pirola sito in Lungomare Canepa – via Sampierdarena;
2. L’adozione di ogni misura volta ad evitare una nuova rioccupazione dell’edificio sgomberato e delle aree adiacenti e limitrofe, a tutela dell’incolumità pubblica.
MANDA
– alla Direzione Gabinetto del Sindaco per le relazioni istituzionali e per la pubblicazione all’Albo
on line;
– alla Direzione Servizi Civici, Legalità e Diritti, per il coordinamento delle azioni;
– alla Direzione Politiche sociali e al Municipio Centro Ovest per l’attuazione di quanto di competenza in caso di rilevata presenza di minori;
– alla Direzione Corpo di Polizia Municipale, per il necessario ausilio a tutte le operazioni sopra descritte,in accordo e con la collaborazione delle altre Forze dell’Ordine, e per le attività di competenza;
– alle Direzioni Ambiente e Igiene e Sviluppo Municipi per l’attuazione di quanto di competenza;
– alla Direzione Mobilità, per l’adozione dei provvedimenti di modifica alla circolazione e alla sosta veicolare necessari per isolare ulteriormente l’edificio e restituire all’uso pubblico le aree adiacenti attualmente delimitate da jersey;
– ad AMIU ed ASTER per le attività di competenza;
DISPONE
Affinché le Direzioni interessate predispongano la necessaria copertura finanziaria, in accordo con la Direzione Ragioneria.
Che della presente Ordinanza sia trasmessa copia alla Prefettura di Genova.
Avverso il presente provvedimento può essere opposto ricorso al TAR della Liguria entro 60 giorni dalla notifica ovvero ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla notifica.
IL SINDACO
Marco Doria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.