“Amore” sulle punte

13528802_10208353769154301_4874427843610728647_n“Se Dio avesse pensato alla danza, certamente avrebbe creato Svetlana Zakharova”. Questo il pensiero di Michail Baryšnikov nei confronti della straordinaria ballerina russa, oggi la più richiesta dai maggiori palcoscenici del mondo, definita all’unanimità una delle più grandi stelle del balletto, dal 2003 étoile del Balletto Bolšoj di Mosca e dal 2007 prima ballerina étoile del Corpo di Ballo del Teatro alla Scala di Milano. Le sue interpretazioni vengono descritte come l’incarnazione della leggerezza e della luminosità e, in proposito, vi è una suggestiva coincidenza con il suo nome di battesimo: “svetla” in russo significa infatti “luminosa”. Domenica 3 luglio alle ore 20.30 al Teatro Carlo Felice, nell’ambito del Genova Outsider Dancer, questo autentico mito proporrà “Amore”, il suo nuovo spettacolo, articolato in tre balletti di coreografi contemporanei. Il primo, Francesca da Rimini, sulle musiche di Pëtr Il’ic Cajkovskij, creato nel 2012 per il San Francisco Ballet, da Yuri Possokhov, vedrà sul palco, accanto alla star, Michail Lobukhin e Denis Rodkin, solisti del Balletto Bolšoj. Seguirà Rain before it Falls, creato nel 2014 da Patrick De Bana appositamente per la Zakharova, su musiche di Johann Sebastian Bach, Carlos Pino-Quintana e Ottorino Respighi. Al termine Strokes Through the Tail, creato nel 2005 per la Hubbard Street Dance Company di Chicago da Marguerite Donlon, una coreografia che trova ispirazione nella Sinfonia n. 40 di Wolfgang Amadeus Mozart.

gb 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.