Convocato in piazza il Consiglio del Municipio Centro Ovest

Su disposizione del Ministero dell’Interno, i Prefetti hanno ricevuto l’incarico di gestire le presenze dei profughi sul territorio, in tale ambito la prefettura di Genova ha scelto per un nuovo centro di accoglienza, l’ex bocciofila di via Milano ritenuta idonea a ricevere, dopo un’adeguata ristrutturazione, circa cento migranti. Si erano subito schierati contro la decisione, sia il Comune di Genova, sia il Municipio Centro Ovest. Nella mattinata del 9 marzo, il presidente del Municipio Centro Ovest ed i membri della maggioranza e dell’opposizione avevano indetto a Tursi una conferenza stampa, presenti i capigruppo. Era stato ritenuto inaccettabile il comportamento delle Istituzioni, in primis della Prefettura, perché una volta di più si era deciso, tenendo all’oscuro delle scelte prese sia il Municipio che i sampierdarenesi. Inoltre la scelta di San Benigno era ritenuta una destinazione sbagliata, che sarebbe andata ad aggravare una realtà già in sofferenza per la presenza di fenomeni di prostituzione e tossicodipendenza, con il risultato di aggiungere degrado a degrado. Il Municipio Centro Ovest aveva chiesto alla prefettura, nell’applicazione del piano nazionale, di fare rispettare gli obblighi di accoglienza in tutti i Comuni della Provincia ed inoltre aveva invitato l’amministrazione comunale ad attivarsi per l’immediata sospensione della realizzazione del centro di accoglienza di San Benigno. Non essendo pervenuta nessuna risposta in merito, il presidente del Municipio Centro Ovest Franco Marenco, come aveva a suo tempo preannunciato, ha indetto la convocazione straordinaria del Consiglio Municipale, per giovedì 6 aprile alle ore 17, in Largo Lanfranco, piazza antistante la Prefettura e ha esteso l’invito a parteciparvi alla popolazione di San Pier d’Arena.
Gino Dellachà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.