Il compleanno del Gazzettino Sampierdarenese

Oggi, 30 aprile 2019, è il compleanno del Gazzettino Sampierdarenese, quarantasette anni di età e quarantottesimo anno di pubblicazioni ininterrotte. Un bel traguardo per noi che da anni volontariamente ci lavoriamo e per i nostri fedeli lettori che da tanto tempo ci seguono sulle colonne del nostro mensile e sulle pagine del nostro sito. Per celebrare questo giorno importante riporto un articolo scritto da Roberta Barbanera nel gennaio 2016 in occasione del quarantacinquesimo anno di pubblicazioni. Personalmente, in qualità di caporedattore di questa gloriosa testata, ringrazio tutti i collaboratori che in questi anni mi hanno aiutato a far uscire ogni mese il giornale, tutti gli inserzionisti che hanno permesso con il loro contributo a sostenere le spese di pubblicazione e tutti i lettori che ci vogliono sempre bene.
Stefano D’Oria

E siamo arrivati a quarantacinque: quest’anno il Gazzettino Sampierdarenese festeggia il quarantacinquesimo anno ininterrotto di pubblicazione. Lo scriviamo con una punta di orgoglio, considerando quanta fatica c’è dietro a questo giornale. L’unico mensile presente sul territorio che da decenni approfondisce i temi di San Pier d’Arena e fa cultura. Ovviamente il merito non è solo di chi tutti i mesi contribuisce materialmente scrivendo i pezzi, impaginando, dando forma e sostanza al giornale; il merito è anche di tutti gli inserzionisti che ci consentono di sopravvivere economicamente e, soprattutto, è di voi lettori che con grande affetto ci dimostrate che stiamo percorrendo la strada giusta.

Speriamo di festeggiare con voi altri traguardi, di arrivare al cinquantesimo da celebrare con una bella festa, come quella dei quarant’anni al Modena. Non è facile, credeteci, fare i conti tutti i mesi con i costi lievitati della stampa, con le mille difficoltà economiche che contraddistinguono, purtroppo, la vita di ciascuno di noi in questi ultimi anni. La determinazione, però, è tanta e la finalità una sola: dare voce a San Pier d’Arena, fotografare le trasformazioni del nostro territorio, dare sfogo ai “mugugni” ma anche rimarcare le note positive, con orgoglio di appartenenza. Ad un territorio che ha una storia importante, un passato vitale, un tessuto commerciale ancora vivo, un presente fatto di integrazione e di crescita. Noi ci crediamo: crediamo che San Pier d’Arena non sia la periferia scomoda della grande Genova, bensì una piccola città che ha molti problemi ma anche tanta voglia di risorgere e dimostrare a tutti di non essere solo delinquenza, abbandono, sporcizia. Non ci tappiamo gli occhi: i problemi ci sono e sono tanti; ma la risposta dei vecchi e nuovi sampierdarenesi c’è ed è sempre più forte. Nel nostro piccolo, speriamo di raccontare nelle nostre pagine questa rinascita e di festeggiare, insieme a voi, una San Pier d’Arena migliore.

Roberta Barbanera


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.