Elogio dei nonni

L’emergenza coronavirus e la chiusura delle scuole hanno imposto ad un esercito di nonni di rientrare in servizio attivo per accudire i nipoti che non possono restare soli in casa. I nonni, pilastro del welfare famigliare, oggi più che mai prezioso ausilio delle famiglie. Il quotidiano “Il Mattino” provò a stimare alcuni anni fa il valore economico delle prestazioni complessive dei nonni in tutte le attività svolte dentro e fuori casa che vanno dall’accudire quotidianamente i bambini, all’animazione per farli giocare, alla cucina e riassetto casalingo, accompagnamento a visite mediche, impegni sportivi ed eventi vari, sostegno nello studio e tanto altro. La cifra totale, calcolata sulla base delle singole prestazioni, raggiungeva i 2.000 Euro mensili, a cui sommare regalie e sostegno economico ai figli in difficoltà, sottratti spesso a suon di sacrifici a già misere pensioni. A ciò, è lo dico per esperienza personale di nonno, va aggiunto che i bambini di oggi sono molto più attivi di quello che eravamo noi alla loro età e richiedono un impegno più pressante. A noi dicevano “stai bravo e gioca da solo”, e ci arrangiavamo con i giocattoli che avevamo o ne inventavamo di nuovi, oggi tra videogiochi, youtube, e mille altri gadget elettronici riesce difficile stare al passo dei nipoti e tutto ciò comporta un affaticamento maggiore, ma non importa. Il 77% dei nonni ha dichiarato che è felice di sentirsi ancora utile nel prendersi cura della famiglia, ma soprattutto l’amore, la cura e la dedizione che i nonni nutrono per i propri nipoti non sono quantificabili né retribuibili in alcun modo economicamente.

Fulvio Majocco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.