Furto al Gazzettino, violata la nostra nuova sede al Centro Civico. Rubati pc e cellulare

sede_newSiamo indignati, arrabbiati, persino esasperati. La nostra nuova sede e redazione presso il Centro Civico “G. Buranello” è stata oggetto di visita di ladri nell’appena trascorso fine settimana. Il pc ed il telefono cellulare redazionale il bottino raccolto da questi ignobili soliti ignoti, che hanno agito nella notte, tra sabato e domenica o tra domenica ed oggi. Sono penetrati da una finestra e quindi si sono calati riuscendo ad introdursi nel centro civico. Lo hanno visitato e messo in disordine ma le vittime maggiori siamo stati noi. La nostra redazione ancora… in rodaggio. Nuova. E scusate la rabbia, ma credo sia condivisa da San Pier d’Arena tutta, dai nostri lettori e dalle istituzioni perchè siamo la voce e i custodi della storia della delegazione. Oltre che un furto è un offesa questa intromissione delinquenziale a casa nostra. Sul posto c’è stato un sopralluogo della Polizia cui andremo presto a denunciare l’accaduto, mettendolo nero su bianco. Il furto dello scorso fine settimana ci riporta al ricordo nefasto della devastazione subita nella sede della nostra ex palazzina, con danno gravissimo al nostro forse unico a Genova archivio storico. Le immagini di quello scempio sono tristemente nel nostro cuore e nei nostri occhi. E quella sede è stata visitata nel tempo ai ladri tante volte da averne perso il conto. Ci attrezzeremo opportunemente per il futuro, visto che siamo nell’occhio del ciclone e la nostra sede suscita attrazione fatale da parte di ladri e malfattori. Ma siamo arrabbiati perché ci sentiamo anche insicuri, a dispetto di tante manifestazioni e proteste del popolo della nostra ex Manchester di Genova per chiedere sicurezza e legalità. Invochiamo tutela da parte delle forze dell’ordine, come la nostra storia, il nostro lavoro e la notra qualità meritano.
Dino Frambati

5 pensieri riguardo “Furto al Gazzettino, violata la nostra nuova sede al Centro Civico. Rubati pc e cellulare

  • 1 Dicembre 2014 in 09:33
    Permalink

    siamo al ridicolo! E’ proprio una “delizia” essere ospiti di strutture comunali così facilmente violabili! Nella precedente sede della palazzina (ora pericolante) di via Cantore i “soliti ignoti” hanno fatto quello che hanno voluto nella più totale assenza di controlli, anzi, per essere precisi, un funzionario della Municipalità, alla nostra domanda: “ma…non c’era l’allarme?”, rispose a suo tempo così: “si, ma l’abbiamo staccato..altrimenti suonava tutti i momenti…” poi, accortosi di aver detto un’idiozia, ha cercato di richiamare “il fumetto” della frase, ma ormai l’aveva detto. Chissà ora che cosa ci diranno… Siamo davvero in ottime mani.
    Pietro Pero

    Rispondi
  • 1 Dicembre 2014 in 11:03
    Permalink

    Sono indignata anche io caro Dino per il furto.
    Katia Piccarreta

    Rispondi
  • 1 Dicembre 2014 in 11:17
    Permalink

    solo ora leggo la notizia con profondo sdegno! Peccato non riuscire a vedere in faccia e acciuffare tali farabutti… da quattro soldi, che dovrebbero vergognarsi per tanta piccineria ladresca, ma che sono in grado di far tanto male ad una Redazione tenuta su da volontari.
    Benito Poggio

    Rispondi
  • 1 Dicembre 2014 in 13:35
    Permalink

    Piove sempre sul bagnato e continua ad essere colpito uno dei nostri, peraltro pochi, punti di riferimento vivi e amati. Con tanta rabbia, ma consapevoli che non saranno i ladri a zittire la voce del Gazzettino e cioè di Sampierdarena.
    Luigi Dellachà

    Rispondi
  • 2 Dicembre 2014 in 16:08
    Permalink

    Apprendo solo ora del furto che il Gazzettino Sampierdarenese ha subito in redazione, a loro va la mia vicinanza e la speranza che gli autori di questa vigliaccata (rubati pc e materiale vario) vengano assicurati alla giustizia, il gazzettino con le poche risorse che ha resta una voce libera e importante del quartiere!
    Davide Rossi
    Capogruppo Lega Nord

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.