Bilancio sociale Anpas Liguria, servizio agli altri e solidarietà i valori ispiranti

Anpasday 2016 - Lorenzo Risso (pres. ANPAS Liguria) - Sonia Viale - Fabrizio Pregliasco (Pres ANPAS Nazionale)Anpasday2016 - AssembleaE’ stata presentata nell’ambito dell’Anpasday la quinta edizione del Bilancio Sociale di Anpas Liguria descrive in massima trasparenza un anno di attività del Comitato regionale ma costituisce anche una relazione degli impegni presi e dei traguardi raggiunti a favore dei cittadini: dal servizio di trasporto sanitario alle norme di protezione civile; dalla formazione dei giovani alla promozione della cittadinanza attiva. “Il Bilancio Sociale è uno dei principali strumenti di comunicazione di cui Anpas Liguria dispone. Giunto alla sua quinta edizione consecutiva, quest’anno integra al suo interno il bilancio consuntivo 2015: lo scopo è far conoscere e comprendere meglio a tutti i portatori di interesse l’ampiezza delle attività svolte, correlate all’impegno economico, al dispiegamento di mezzi tecnici ma soprattutto all’impiego delle risorse umane”, afferma la nota metodologica del Bilancio.
La pubblicazione è realizzata interamente dallo Staff interno in accordo con gli organi sociali seguendo il principio di massima trasparenza per condividere con gli stakeholder un’analisi delle attività realizzate e una conseguente riflessione atta al miglioramento continuo del movimento delle Pubbliche Assistenze.
La pubblicazione di quest’anno presenta elementi innovativi rispetto alle precedenti, sia nella forma sia nel contenuto. A cominciare dal titolo “Novemilionidichilometri – un viaggio lungo un anno” dove la prima parte indica i chilometri percorsi dagli automezzi delle associazioni Anpas liguri per effettuare tutti i servizi di emergenza e i trasporti sanitari nel corso del 2015. Il “viaggio lungo un anno”, sottolinea inoltre il percorso comune delle 102 associazioni dislocate su tutta la nostra regione ma che al tempo stesso costituiscono un’unica grande organizzazione che condivide identità, intenti, valori, come espresso dal Presidente regionale Lorenzo Risso all’Assemblea dei Soci: “il Bilancio Sociale rinnova i nostri valori e spiega i motivi per cui stiamo insieme”.
Di grande impatto nella sezione identitaria è la base associativa formata da: 102 Pubbliche Assistenze (48 a Genova, 26 a La Spezia, 25 a Savona e 3 a Imperia), 19 sezioni, 8.074 volontari, 35.799 soci, 339 dipendenti. Il Gruppo Giovani Anpas Liguria, costituito a giugno 2015, alla fine dell’anno contava già 18 gruppi con 416 volontari di età dai 14 ai 26 anni.
Questa moltitudine organizzata di persone e di mezzi quotidianamente svolge una serie di attività di indiscussa importanza per la cittadinanza: il soccorso sanitario, primario settore di intervento di Anpas Liguria, si attesta nel 2015 a un dato medio del 61% di servizi svolti sul totale (334.124 servizi). Significativi e in crescita del 25% circa rispetto al 2014, i dati inerenti i servizi di trasporto socio sanitario che le Pubbliche Assistenze aderenti all’Anpas Liguria hanno svolto nel 2015 al di fuori delle convenzioni con il sistema sanitario a favore di persone anziane, persone con fragilità sociale e sanitaria. Un servizio non più coperto dal S.S.N., che le pubbliche assistenze hanno continuato a compiere cercando di reperire altrove le risorse per il loro svolgimento. Il numero di tali servizi ammonta nel 2015 a 73mila, contro i 55mila del 2014 e volendone stimare il valore secondo i parametri dell’attuale convenzione regionale, si otterrebbe una cifra “versata” dalle Pubbliche Assistenza a sostegno della collettività oltre i 2,4 milioni di Euro.
Tra le altre attività fondamentali di Anpas Liguria, la promozione del volontariato riveste un ruolo fondamentale e l’Associazione vi si è dedicata con grande impegno con i campi “Movimentiamoci” e “Anch’io sono la protezione civile” che hanno accolto 100 ragazzi. L’azione sui giovani e ancora più eclatante con il progetto “Primo soccorso a scuola” entro il quale nel 2015 sono stati coinvolti 4.282 alunni di 31 Istituti scolastici.
Anche in ambito formativo il Bilancio Sociale descrive dettagliatamente un’intensa attività. Il progetto Anpas “cascata formativa” – un programma di formazione interna – ha visto 8 nuovi formatori di protezione civile, 5 corsi per operatore di colonna mobile con 189 nuovi volontari formati. Il Centro di Formazione Anpas Liguria, invece, ha realizzato 16 corsi di rianimazione cardio polmonare e di utilizzo del defibrillatore semi-automatico DAE con 277 persone formate.
“L’investimento sui giovani sia internamente sia esternamente al Movimento e la formazione sono stati due importanti capisaldi dell’anno 2015 i cui risultati mostrano oggi un futuro più chiaro” – continua il Presidente Lorenzo Risso. “Abbiamo così deciso di continuare su questa strada con coerenza, incentrando l’Anpasday del 21 maggio completamente sulla formazione, sia per migliorare noi stessi sia per portare valore alla collettività”.
L’Anpasday è l’incontro annuale dedicato a tutti i volontari Anpas della Liguria. Quest’anno l’evento è stato interamente dedicato alla formazione, a cui hanno partecipato 240 volontari di Pubbliche assistenze e una trentina di giornalisti suddivisi in 7 differenti gruppi di lavoro. Con un totale di 300 presenze, Anpasday ha annoverato relatori e formatori provenienti da Anpas Nazionale, dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile, dal Comune di Genova e dalla Regione Liguria.
Il Bilancio Sociale 2015 è scaricabile in versione completa dal sito di Anpas Liguria (www.anpaliguria.it).
Francesca Sanguineti
francesca.sanguineti@anpasliguria.it
(Nelle foto. l’assemblea, il pres. Lorenzo Risso, l’assessore ligura alla Sanità Sonia Viale, il pres. Anpas nazionale, Fabrizio Pregliasco)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.