Lunedì 6 giugno apre “La fabbrica delle immagini – Voltini lab.” Al Centro Civico Buranello, nuovo importante spazio culturale ed espositivo curato dal Club Amici del Cinema

Lunedì 6 giugno a Genova, alle 17, aprirà il nuovo importante spazio culturale ed espositivo “La fabbrica delle immagini – Voltini Lab.” del Centro Civico Buranello con l’inaugurazione della mostra di dipinti, illustrazioni e diari di viaggio “Greta Cencetti. Il segno, i luoghi, la memoria”.

“La fabbrica delle immagini – Voltini Lab.” è uno spazio espositivo curato dal Club Amici del Cinema in accordo con il Municipio II Genova Centro Ovest San Pier d’Arena – San Teodoro nell’ambito del Patto di Collaborazione “Una rete per la cultura al Centro Civico”. In questo contesto l’associazione intende realizzare con continuità diverse mostre dedicate alle arti visive, in modo particolare al cinema, ma anche alla fotografia, alle illustrazioni e alla pittura, collegando tali esposizioni alla programmazione della Sala Don Bosco (via Carlo Rolando 15), che il Club Amici del Cinema cura da più di quarant’anni.

La prima mostra della “Fabbrica delle immagini” sarà appunto “Greta Cencetti. Il segno, i luoghi, la memoria”, un’esposizione che durerà fino a giovedì 30 giugno e che sarà aperta ai visitatori dalle 16 alle 19 nelle seguenti date: 6/6, 7/6, 8/6, 9/6, 14/6, 15/6, 16/6, 17/6, 21/6/, 22/6, 23/6, 28/6, 29/6 e 30/6.

In occasione della mostra, mercoledì 15 giugno, alle ore 17, all’Auditorium del Centro Civico Buranello sarà presentato il libro di Greta Cencetti dedicato alla Rivoluzione francese “Sotto i cieli di Pratile” (Altergraf. Editore) alla presenza degli storici Irene Guerrini e Marco Pluviano.

L’esposizione, composta dalle opere di Greta Cencetti, si suddivide in tre macroaree: la pittura, le illustrazioni e i diari viaggio. La prima, intitolata “Impermanenze”, è dedicata alla memoria dei luoghi, degli oggetti e dei materiali che si stanno trasformando in qualcosa d’altro, spesso perdendo la loro destinazione iniziale. Nella seconda, denominata “Camminando con un Cane fantasma”, il segno e il colore diventano il racconto di qualcosa che è esistito o soltanto pensato. La terza, intitolata “San Pier d’Arena amore mio”, è composta da opere che con un taccuino, una penna, una matita e un po’ di colori osservano la stratificazione della vita e del tempo nel quartiere di San Pier d’Arena.

Greta Cencetti è una pittrice e scrittrice genovese che ha illustrato circa ottanta libri per bambini, dei quali è spesso autrice, pubblicati in Italia, Germania, Gran Bretagna e Taiwan. Tra i suoi lavori più rilevanti, la mostra itinerante “The Migrant Children” – dedicata ai bambini della Grande Depressione americana -, che a Genova è stata ospitata al Galata Museo del Mare e a Palazzo Bianco.

Per maggiori informazioni:

acec.liguria@gmail.com

+39 335 5865524

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.